SCUOLE E CULTURA

Raccontiamo Teramo.it, la scuola va in città: edizione speciale

I ragazzi hanno lavorato sull’Identità, sulla Cultura che unisce e caratterizza la città, riacquistando e facendo proprio il significato più profondo di Comunità.

Raccontiamo Teramo.it: la scuola va in città
Un progetto che ha per protagonisti i bambini: formati, preparati, attenti alla propria città.
“Una manifestazione di qualità” dichiara l’Assessore Provvisiero.
L’Istituto Savini, San Giuseppe, San Giorgio, non ha mai fatto mancare l’impegno e la collaborazione e, nonostante tutte le vicissitudini legate al terremoto e al cambio di parte delle strutture, la scuola non ha perso la qualità che la contraddistingue.
I bambini delle classi quinte della Scuola Primaria e tutti i ragazzi della Scuola Media Savini, hanno lavorato sull’Identità, sulla Cultura che unisce e caratterizza la città, riacquistando e facendo proprio il significato più profondo di Comunità.
Attraverso il progetto hanno conosciuto Teramo e il suo tesoro artistico e culturale: il modo migliore per essere educati alla cittadinanza.
La dirigente dell’Istituto, Dottoressa Sigismondi, aggiunge: “È un progetto storico, siamo alla tredicesima edizione. Abbiamo una ulteriore finalità: dire ai teramani, attraverso le bellezze della città, di restare”.
È la Scuola che si apre alla didattica museale, con idee nuove, vivaci ma ben radicate e incardinate nella tradizione architettonica e iconografica teramana. Il tutto partirà il 26 Maggio con la mostra presso l’Ipogeo e le visite ai siti archeologici con le “mini guide”. L’evento continuerà fino al primo Giugno, sempre all’Ipogeo, con mostra, proiezioni e i ragazzi pronti a raccontare e spiegare Teramo ai visitatori.
Ragazzi che erano presenti, con una delegazione, questa mattina in conferenza stampa e che hanno illustrato il lavoro svolto e ciò che sarà la settimana che li vede protagonisti: gruppi di lavoro, visite guidate e allestimento della mostra, particolare attenzione alle parole, alle strutture inagibili e al loro recupero. Foto, Internet e uso dei social. Principi fondamentali della Costituzione declinati sul territorio e legati al progetto a partire dall’articolo 9 sulla tutela del Patrimonio storico e artistico.
Tanti i professionisti impegnati nella realizzazione del progetto oltre l’Assessore Provvissiero e la Preside Sigismondi: tutte le insegnanti dell’Istituto e le Dottoresse Quintiliani, Di Pietro e Porrini del Polo museale.
Proprio la Dottoressa Porrini, in conclusione, dichiara che quest’anno, per le note vicende legate a maltempo e terremoto, l’edizione è speciale.

di PAMELA RONCONE

Categoria:

Regione: