SCUOLE SICURE

Commissioni Consiliari tese sulle scuole di Teramo

Porterò mio figlio alla San Giorgio, dice Brucchi, così come li porteranno Paolo Gatti, Dodo Di Sabatino e il Dirigente. Non è una garanzia, ma voglio dirlo. Non ci sono risorse, questa è la realtà. I primi fondi arriveranno a Gennaio per una scuola.

4^ e 6^ Commissione riunite congiuntamente questa mattina per parlare di scuole.
Il Sindaco, Maurizio Brucchi, introduce scusandosi se la convocazione è a ridosso dell’apertura delle scuole.
“Abbiamo tutti gli indici” ribadisce il primo cittadino.
In alcune scuole è stata necessaria una verifica più approfondita, in LC3, e l'approvazione non ancora ultimata da parte dei tecnici del CNR come prevede la norma. Le scuole riaprono tutte l’11 Settembre.
L’unico edificio messo fuori uso è la Fornaci Cona, leggermente peggiorata in LC3.
Con il Presidente della Provincia Di Sabatino abbiamo trovato una sistemazione dignitosa e confortevole per i bambini di questa scuola.
Su due scuole abbiamo scaricato un piano, mettendolo fuori uso, per migliorare l’indice: San Berardo e Molinari. Le dirigenti hanno già riallocato i ragazzi.
Il termine 0,2 non è scritto in nessuna norma ma è indicazione di un funzionario della Regione.
Riaprirà una settimana più tardi l’Ipsia per i lavori di sistemazione al Milli dove verrà trasferita.
Porterò mio figlio alla San Giorgio così come li porteranno Paolo Gatti, Dodo Di Sabatino e il Dirigente. Non è una garanzia, ma voglio dirlo. Non ci sono risorse, questa è la realtà. I primi fondi arriveranno a Gennaio per una scuola.
4milioni per adeguare la San Giuseppe ci sono già, poi ci sono le risorse del bando periferie in modo da riportare circa 900 ragazzi in centro storico.
500 posti musp, 10milioni, dovrebbero essere firmati in questa settimana. Andranno alla D’Alessandro perché il terreno è comunale e ci sono le infrastrutture.
Su 4325 avremo 1500 nuovi posti antisismici, con le scuole già a 0,8, è un buon 50% già finanziato.
Firmo l’ordinanza assumendomi tutte le responsabilità. Abbiamo fatto tutto il possibile”.
Torna sull’argomento polemica con i genitori, Brucchi dichiarando e ribadendo di non voler offendere nessuno. Le dichiarazioni di alcuni, però, che denunciano distrazioni di denaro, possono avere risvolti diversi.
L’Ingegner Bernardi fa il punto tecnico:” la Fornaci Cona è chiusa per calcestruzzo scadente e terreno geologicamente più problematico.
San Giorgio il terreno è stato riclassificato.
Anche la Molinari ha avuto altre indagini positive. L'indice non ancora ricalcolato, è più alto raggiungendo lo 0,2 per due dei tre blocchi. L'altro blocco è stato scaricato.
Sulla Risorgimento è previsto un intervento”.
Gli ingegneri che hanno studiato la De Jacobis hanno effettuato gli stessi esami e anche qui l'indice ha raggiunto pressappoco lo 0,2.
Sulla San Giorgio interviene l’ingnegner Cicconi:” prove sul terreno che mancavano più ulteriori campionamenti. Il terreno è migliore, i materiali discreti. Non abbiamo il nuovo indice ma reputiamo sia salito. Riconfermerei ciò che ho scritto circa l’opportunità di abbattere per motivi economici. Discorso valido per tutti gli edifici degli anni '60 in cemento armato".

di PAMELA RONCONE

Categoria:

Regione: